Home Page

L’incontro del PD Parigi post-elezioni Quirinale

MATTARELLA RIELETTO PRESIDENTE: LE NOSTRE INTERPRETAZIONI A 24 ORE DI DISTANZA

Varie opinioni sono già state scambiate nel nostro Circolo da sabato sera via mail. Ieri sera le abbiamo in parte riprese e arricchite, e molti di noi hanno ascoltato gli ulteriori sviluppi diffusi da giornali e media.Come si è arrivati a questo risultato ? Probabilmente Mattarella, universalmente apprezzato, era l’unica opzione possibile in questo scenario. Due dati politici emergono: il ruolo dei “Peones” che autonomamente hanno contribuito a sbloccare la situazione, e, dato importante, la creazione di un Centro che si sta ricomponendo; a questo proposito, Renzi ha dato un contributo importante, anche facendo asse con Letta nei momenti decisivi del processo.Chi ne esce vincente? In primis Letta, col PD di cui ha mantenuto la compattezza pur se in modalità forse troppo “invisibile”. Tuttavia ci sarebbe piaciuto che ieri, partecipando a “Mezz’ora in +” su Rai3, il nostro Segretario non dichiarasse di essere stato “personalmente” a favore di una possibile presidenza di Elisabetta Belloni (ottima ambasciatrice e professionista, ma anche attuale direttrice del DIS). E che non si imputasse unicamente al “corto-circuito mediatico” il problema flagrante che è emerso nel M5S, con le mosse di Conte e internamente al movimento (e quindi anche per noi, data la nostra alleanza con loro). Anche la Meloni è emersa vincente per la sua apparente coerenza, ma con un distinguo: nella sua ambizione di ricompattare la destra al di là di Salvini, ricadrà probabilmente in un isolazionismo politico che difficilmente le permetterà di far parte un giorno dei protagonisti di un governo. Tra gli ovvi perdenti, Salvini e Conte per Lega e 5S, e anche, individualmente, Berlusconi. Ma riusciremo a vedere, a seguito di queste sconfitte, una decente presa di reponsabilità da parte dei perdenti, p. es. un Salvini messo finalmente da parte in una Lega che si riallinea convintamente verso posizioni europeiste, più consone a soddisfare il suo elettorato (di quanti altri Pepeete ci sarà bisogno)?Soprattutto non ci sembra che nell’insieme si possa dire che dei partiti, e tantomeno delle coalizioni, abbiano vinto, anzi. Avere Draghi (un tecnico con delle evidenti doti politiche) insieme a Mattarella ci fa restare al sicuro fino a fine legislatura. Ma resta il fatto che non è stato possibile eleggere un nuovo Presidente (anche se una rielezione resta in linea con i principi costituzionali), e che nessun altro poteva andare a sostituire Draghi alla guida dell’attuale governo. Col risultato che le azioni del governo continueranno sui binari di oggi, DCPM dopo DCPM: sicuramente con la necessaria affidabilità, ma senza che la politica sia in grado di imprimere direzioni di ampio respiro per affrontare il futuro. Serve, assolutamente, e “da ieri”, disegnare il dopo-Draghi.- Quali opzioni per il futuro, quale ruolo per il PD ?Questo e il prossimo sono gli anni in cui il PNRR inizia a realizzarsi: lo spazio per imprimere innovazioni a lungo termine è adesso. Anni in cui potrebbero esplodere crisi profonde in senso economico (p. es. inflazione), sociale (p. es. le diseguaglianze acuite dalla pandemia), e ovviamente ambientale (p. es. le scelte da ponderare e fare in campo energetico). Il PD continuerà a proporsi come il partito che lavora per assicurare la stabilità delle istituzioni (ruolo che in in buona parte è stato forzato a fare per senso di responsabilità, dal 2018), o coglierà l’occasione per proporre la nostra visione politica per il dopo-Draghi? La seconda opzione è l’unica che puo’ renderci visibili per andare fuori a cercare nuovi voti, che sia verso la sinistra o verso il centro-sinistra. A seguito di questa elezioni e del tumulto che hanno generato nei partiti, è stato scritto da Cerasa (il Foglio), parafrasando e invertendo dal Gattopardo: “Nulla cambia perché tutto cambi”. Sarà cosi’? Sarebbe un bene se accadesse. Un altro anno di stabilità assicurata dal binomio Draghi/Mattarella offre ancora l’occasione alla politica di ritornare protagonista e di riavvicinarsi finalmente alle persone. Il nostro Parlamento attuale soffre di una forte presenza populista e populista/sovranista, un fenomeno maturato in questi anni in molti paesi che è frutto degli errori della politica del prima, con una dose preoccupante di trasformismo parlamentare. Un populismo che costringe a situazioni ambigue e contraddittorie verso l’essere europeisti e allineati all’alleanza atlantica, perfino ad assumere posizioni diseducative verso i movimenti no-vax, troppo spesso blanditi per ottenere i loro voti. Abbiamo più che mai bisogno che la politica torni ad affermarsi, con proposte chiare da sottoporre alla scelta e partecipazione dei cittadini. Abbiamo bisogno di una legge elettorale che consenta di arrivare a fare alleanze vere su programmi concreti.

IL PD Parigi c’è

Siamo di ritorno sul Web e prepariamo la consultazione delle Agorà democratiche, che saranno una grande opportunità di partecipazione. Per partecipare, scrivi a partitodemocraticoparigi@gmail.com

Il coraggio della verità

Non abbiamo molto tempo di fronte a noi prima della fine di questa legislatura. Le prossime elezioni promuoveranno, o bocceranno, l’identità politica che il PD saprà darsi. E quella è la base su cui proporre e costruire alleanze con le altre forze politiche del centro sinistra.Quello che serve adesso è il coraggio della verità. Leggi … Continua a leggere

Gli incontri del PD Parigi: con Giuditta Pini, sul 5G, e col gruppo di lettori

Vi annunciamo la prossima riunione co-organizzata dai Circoli PD Parigi e PD Lussemburgo che si terrà su zoom e in FB live il 15 dicembre alle 19:00 Interverrà l’On. Giuditta Pini, deputata del PD co-firmataria dell’emendamento alla legge di bilancio per l’introduzione di una tassa sui grandi patrimoni. Modereranno: Matteo Lascialfari (PD Parigi) e Marco … Continua a leggere

USA 2020 : che cosa possono aspettarsi l’Italia e l’Europa dal voto americano?

28 Ottobre 2020 – ore 18.30 https://www.facebook.com/events/1571325946410470 Interverranno: Mattia Diletti,Professore in Scienza Politica. Sapienza Università di Roma Jeffry Frieden, Professor of Government Harvard Modera: Elisabetta Giuffra, Segretaria del circolo del PD di Parigi Negli ultimi anni, le relazioni tra Stati Uniti ed Unione Europea sono state segnate da crescenti turbolenze sul fronte geopolitico e commerciale. Turbolenze … Continua a leggere

libertà e tolleranza, contro l’orrore del fanatismo

Un professore di storia viene ucciso (decapitato) a Conflans-Sainte-Honorine, in Région Parisienne, per aver mostrato ai suoi allievi le caricature di Charlie Hebdo su Maometto (all’origine degli attentati contro la Francia, tra cui la strage alla redazione della rivista, nel gennaio 2015). L’assassino, almeno così appare dalle prime ricostruzioni, è un diciottenne che ha abbracciato … Continua a leggere

Elisabetta Giuffra eletta segretaria del PD Parigi

Ieri, domenica 27 settembre 2020, il congresso del PD Parigi ha eletto Elisabetta Giuffra nel ruolo di segretaria del circolo. Complimenti e auguri alla neo-segretaria. Grazie alla sfidante Letizia Capitanio, al segretario uscente Paolo Sartini, e a tutti coloro che hanno partecipato al congresso.

Il PD Parigi va al congresso

Ci siamo! Dopo diversi rinvii (Covid-19 oblige), domenica 27 settembre il PD Parigi si riunisce nel suo congresso. Vista la situazione sanitaria, una riunione virtuale. Appuntamento su zoom a partire dalle 17. Tutte le informazioni nel documento allegato e sulla nostra pagina Facebook. 

Buon compleanno, Repubblica Italiana

2 giugno 1946, 2 giugno 2020: buon compleanno alla Repubblica Italiana dal PD Parigi. Una ricorrenza che ci è particolarmente cara. La storia della repubblica coincide infatti, nel nostro paese, con quella della democrazia. Tutte le democrazie conoscono limiti e difetti, certo. (Mentre lo stimarsi perfetti è tratto distintivo delle propagande dei regimi autoritari). Ma la storia … Continua a leggere

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.


Follow My Blog

Get new content delivered directly to your inbox.