Cambiamenti climatici: cause naturali e cause antropiche. un incontro organizzato dal PD Parigi

Il  6 Marzo 2009 alle ore 18:30, nella sala Fer à Cheval della Marie del XIII Arr. a Parigi, si terra’ un incontro con Franco Prodi , professore ordinario di fisica dell’atmosfera all’Università di Ferrara, sul tema:

Cambiamenti climatici: cause naturali e cause antropiche

In un contesto in cui media e politica si impossessano del tema del riscaldamento del pianeta alimentando confusioni sulle basi oggettive della discussione, l’incontro si propone di fare chiarezza, dando gli elementi di base per orientarsi e rivendicando il primato della conoscenza scientifica.
Partendo dal “sistema clima”, descritto nelle sue fondamenta fisiche, la presentazione descriverà i grandi cicli climatici del passato e la variazione del riscaldamento negli ultimi due secoli del clima storico, presentando gli aspetti che ancora devono essere approfonditi per arrivare ad una conoscenza che permetta la previsione degli andamenti futuri.

Franco Prodi è nato a Reggio Emilia nel 1941. Laureato in Fisica nel 1963 all’Università di Bologna ha spostato i suoi interessi scientifici dalla fisica dello stato solido alla Fisica dell’Atmosfera in occasione del Servizio Militare prestato come ufficiale del S. Meteorologico dell’Aeronautica Militare. Ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche dal 1967 al 1987 negli istituti che si occupano di ricerche atmosferiche, ha diretto l’Osservatorio sui Fenomeni Grandinigeni di Verona (1970-1975), il FISBAT di Bologna (Ist. sullo studio della Fisica dell’Alta e Bassa Atmosfera, 1985-1993) e l’ISAC (Istituto per le scienze dell’Atmosfera e del Clima, con sede a Bologna e sezioni a Roma, Lecce, Torino, Padova e Cagliari, 2002-2008).
Ha svolto l’ insegnamento universitario, avendo conseguito la libera docenza in Meteorologia nel 1971, prima come incaricato all’Università di Modena (1970-1987), poi dal 1987 a tutt’oggi come professore ordinario di Fisica dell’Atmosfera all’Università di Ferrara.
Ha trascorso vari periodi di ricerca presso il National Center for Atmospheric Research di Boulder (Colorado, USA). E’ stato membro della Commissione internazionale di Fisica delle Nubi e delle Precipitazioni (ICCP) della IUGG (International Union of Geodesy and Geophysics). E’ nel board di alcune riviste scientifiche internazionali.
Il campo di ricerca principale è la fisica delle nubi e delle precipitazioni, con particolare riguardo alla formazione della grandine, alla fisica dell’aerosol, ai bilanci di radiazione, alla radarmeteorologia dei temporali grandinigeni, alla meteorologia da satellite, alle previsioni di nowcasting.
Ha pubblicato più di cento lavori su riviste scientifiche internazionali.