Incontro con Daniele VIOTTI, eurodeputato PD: le sfide della sinistra in Europa

Care democratiche, cari democratici,

Vi invitiamo giovedì 16 febbraio alle ore 19h30 presso la Fédération de Paris du PS – 32 rue Alexandre Dumas, Paris 11ème all’incontro sul tema

Le sfide per la sinistra, in Europa e in Italia

con Daniele VIOTTI, europarlamentare PD e membro del gruppo Socialists&Democrats al Parlamento europeo.

Affronteremo con lui – oltre che i temi del suo impegno quotidiano di parlamentare europeo del gruppo S&D e l’attività politica dei socialisti europei – i principali nodi nella situazione del PSE e della sinistra in Europa e in Italia.

Inoltre, affronteremo con particolare attenzione la situazione politica francese in vista delle prossime elezioni presidenziali, con le sue contraddizioni e divisioni nel campo progressista, e le sue possibilità di ricomposizione.

A presto,

la segreteria del Circolo PD Parigi

Présidentielles 2017 : notre soutien à Benoît Hamon

La large victoire de Benoît Hamon aux primaires citoyennes de la Belle Alliance Populaire dimanche dernier en fait le candidat de la gauche socialiste, radicale et écologiste aux prochaines élections présidentielles.

Comme section du Parti Démocrate italien à Paris, nous nous félicitons avec nos amis et camarades socialistes pour la belle réussite de ces primaires, et nous assurons à Benoît Hamon notre plus fort soutien. Ainsi, nous invitons tous nos inscrits et sympathisants de nationalité française à s’engager dans la prochaine campagne électorale, pour assurer à la gauche rassemblée les meilleures chances de victoire.

Bon courage, Benoît!

—————

La larga vittoria di Benoît Hamon alle primarie della Belle Alliance Populaire di domenica scorsa fa di lui il candidato di socialisti, radicali ed ecologisti alle prossime elezioni presidenziali francesi.

Come Circolo PD Parigi ci congratuliamo con gli amici e compagni socialisti per la buona riuscita di queste primarie, ed esprimiamo a Benoît Hamon il nostro più forte sostegno. Invitiamo quindi tutti i nostri iscritti e simpatizzanti di nazionalità francese a impegnarsi nella prossima campagna elettorale, per assicurare alla sinistra le migliori possibilità di vittoria.

Lettera al Segretario del PD e alla futura segreteria nazionale

Caro Segretario, cari amici e compagni della futura segreteria nazionale,

Dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre, una nuova fase si è aperta per il Paese. Ma una cosa rimane: il ruolo chiave del PD. Nato da diverse e molteplici sensibilità politiche e culturali, il PD deve restare tale. Ricco di forti personalità capaci di agire su base comune verso obiettivi comuni, il PD deve conservare questa sua ricchezza di organismo politico collettivo. Radicato sugli ideali di giustizia e libertà del nostro popolo e dell’Unione Europea, il PD deve vivere ed operare con il popolo, non come parte di un “establishment” italiano ed europeo.

Ecco perché vogliamo con questa lettera assicurare il nostro sostegno alla futura segreteria nazionale PD, che si accinge ad attuare i cambiamenti necessari a ripartire ma necessariamente aprendosi ad integrare tutte le componenti come organismo collettivo di governo del partito. Fra questi, tre ci paiono cruciali per raccogliere la sfida che gli elettori ci hanno proposto.

Il primo è riagganciare il partito alla gente. Questo legame esiste, è sempre esistito, ed è fatto in primo luogo da circoli e iscritti, risorse uniche. Dobbiamo valorizzarle, dando loro maggiore ascolto ma anche chiedendo una partecipazione più attiva. Non solo alla comprensione del territorio, ma anche all’elaborazione della linea. Sono le proposte sulla forma partito avanzate dai circoli europei, dopo un lavoro di mesi.

Il secondo cambiamento nasce da un problema di fondo: malgrado un miglioramento del quadro macroeconomico anche grazie alle riforme di questa legislatura, disoccupazione e impoverimento sono rimasti nella quotidianità di milioni di Italiani. Dal loro punto di vista, il Governo e i partiti che lo hanno sostenuto hanno fallito la loro missione. Non possiamo che ammetterlo e quindi abbandonare con una sincera autocritica una narrazione falsamente ottimistica della realtà, su cui peraltro agiscono tantissimi elementi negativi passati e presenti che permangono e restano decisivi per spiegarne la durezza.

Questo disagio, nato da anni di crisi e disuguaglianze rampanti, è la benzina del populismo, ed ha contribuito alle sue eclatanti vittorie, perfino negli Stati Uniti, tornati a tassi di crescita e occupazione che noi neanche ce li sogniamo. È ormai evidente che nessun governo, a maggior ragione se di sinistra, può più permettersi di trascurare questo problema e sopravvivere ai populismi.

Riconoscendo che occorre creare la ricchezza prima di spartirla, e incoraggiando ogni riforma che produca crescita ed occupazione entro ragionevoli vincoli di bilancio, auspichiamo quindi che il PD intervenga con decisione sulla disuguaglianza con politiche redistributive efficaci.

Il terzo cambiamento indispensabile è migliorare qualità della nostra classe dirigente. Le nostre ultime disavventure nella pubblica amministrazione ci sono costate care. Ma quelle del Movimento 5 stelle mostrano che possiamo batterli selezionando sistematicamente amministratori competenti, irreprensibili, innamorati del Paese. Siamo convinti che nel PD i candidati non manchino e che devono essere cercati dalla base del partito e non co-optati dal vertice solitario della segreteria.

Buon lavoro,

il Circolo PD Parigi

Riunione di Circolo – domenica 15 gennaio ore 18h

Care democratiche, cari democratici,

Riprendiamo le attività del Circolo PD Parigi, augurandovi in primo luogo un felice e sereno Anno Nuovo.

Il 2017 vedrà scadenze politiche decisive, già a maggio con le presidenziali qui in Francia, Paese nel quale viviamo, e poi in autunno con le elezioni politiche in Germania, oltre alle possibili elezioni anticipate in Italia e al congresso del nostro Partito. In vista di questi appuntamenti invitiamo tutti i nostri simpatizzanti a mobilitarsi ad essere presenti con il nostro Circolo, per partecipare ed apportare con forza le nostre idee.

Vi diamo intanto appuntamento per domenica 15 gennaio alle ore 18h presso la sede ACLI – 28, rue Claude Tillier per la nostra prima riunione di Circolo.
Affronteremo i temi seguenti:
– proposte di attività del Circolo per il 2017
– primaires citoyennes e campagna presidenziale francesi
– discussione sulla situazione politica italiana dopo il referendum
A conclusione della riunione, terremo un brindisi per scambiarci gli auguri per il nuovo anno. Siete tutti invitati!

Vi ricordiamo infine che il 22 e il 29 gennaio si terranno le Primaires citoyennes per la scelta del candidato alla presidenza della Repubblica francese della “Belle Alliance Populaire”, coalizione composta dal Parti Socialiste e i suoi alleati. Invitiamo tutti i nostri simpatizzanti di nazionalità francese a partecipare a questo importante appuntamento della vita politica francese. 

A domenica prossima,

la segreteria del Circolo PD Parigi

Riforme, Europa, integrazione: incontro con on. Silvia COSTA e viceministro agli Esteri Mario GIRO – domenica 20/11

Care democratiche, cari democratici,

domenica 20 novembre, alle 16h30 presso la sede ACLI, 28 rue Claude Tillier il Circolo PD Parigi, in collaborazione con ACLI France e i Comitati per il Sì Parigi, organizza un incontro sul tema

“Riforma costituzionale, Europa, integrazione”

dopo i saluti del segretario di Circolo Massimiliano Picciani, interverranno
– on. Mario GIRO, viceministro agli Affari esteri e alla Cooperazione internazionale
– on. Silvia COSTA, europarlamentare PD e presidente della Commissione cultura e istruzione del Parlamento europeo
– Matteo BRACCIALI, responsabile dip. internazionale ACLI

Discuteremo delle ragioni della prossima riforma costituzionale nel contesto più ampio della sfida ai populismi, in Europa e nel mondo.

Vi aspettiamo numerosi!

La segreteria del Circolo PD Parigi

Referendum sulla riforma costituzionale: incontri informativi

In vista del referendum del 4 dicembre sulla riforma costituzionale, il circolo PD Parigi sta organizzando una serie di incontri di informazione, confronto e dibattito.
Il prossimo è previsto venerdì 11 novembre, alle ore 18h30, presso la sede ACLI di Parigi (28 rue Tillier, 75012con il prof. Stefano CECCANTI, già senatore PD e professore di diritto costituzionale (Univ. di Roma “La Sapienza”) presso la sede ACLI di Parigi, 28 rue Tillier, 75012.
Speriamo di vedervi numerosi nonostante il giorno festivo.

Questo appuntamento è organizzato in collaborazione con i Comitati per il Si di Parigi, così come avvenuto per due precedenti appuntamenti, che ricordiamo qui di séguito:

> lunedì 12 settembre, presso l’Université Paris 1 La Sorbonne,  abbiamo incontrato Sandro GOZI, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega agli affari europei.
> domenica 16 ottobre, ore 17h30, presso la sede nazionale del Parti Socialiste, abbiamo incontrato  Gianni PITTELLA, capogruppo S&D nel Parlamento europeo, sul tema “Riforma costituzionale: un Sì per l’Europa”

Per conforntarci con le ragioni critiche nei confronti della riforma, mercoledì 12 ottobre, presso l’Université Paris 1 La Sorbonne,  abbiamo incontrato il prof. Giancarlo ROLLA, professore di diritto costituzionale (Univ. di Genova) e firmatario dell'”Appello dei 56 costituzionalisti” contro la riforma costituzionale.

Riunione di Circolo con On. LAFORGIA – 2 ottobre ore 17h30

Care democratiche, cari democratici,

domenica 2 ottobre, alle ore 17h30 presso la sede ACLI – 28 rue Claude Tillier, Paris 12eme terremo la prossima riunione di Circolo e dell’Associazione Democratici Parigi, che affronterà i punti seguenti:
> rinnovo della carica di tesoriere del Circolo e dell’ADP
> relazione del segretario sull’Assemblea dei Circoli europei del PD
A partire dalle ore 18h avremo invece un incontro con l’On. Francesco LAFORGIA (PD), sull’attualità politica italiana ed europea e in particolare sui temi economia, sviluppo, lavoro e investimenti. 

Referendum costituzionale: come votare dall’estero

Sei iscritta/iscritto all’AIRE?

  • SE VUOI VOTARE DALL’ESTERO devi solo assicurarti che il Consolato abbia il tuo indirizzo corretto per spedirti il plico elettorale. In questo caso, un paio di settimane prima del voto riceverai a casa tutto l’occorrente per votare per posta.
  • SE INVECE VUOI VOTARE IN ITALIA devi comunicare la tua intenzione al tuo Consolato appena il referendum viene indetto (hai solo dieci giorni!). E’ sufficiente una domanda in carta libera, specificando:
    – Nome e Cognome,
    – Luogo e Data di nascita,
    – Luogo di residenza,
    – Comune italiano di iscrizione AIRE,
    – Fotocopia documento di identità,
    – Data e Firma.
  • La domanda può essere consegnata a mano (anche da persona diversa), oppure inviata per email, posta, fax al Consolato e vale per una sola votazione. Puoi trovare gli indirizzi email e postali dei consolati su: http://www.esteri.it/mae/it/italiani_nel_mondo/serviziconsolari
  • IMPORTANTE: occorre compilare una domanda per ciascun elettore.
  • IMPORTANTE: occorre indicare per quale referendum si chiede di votare in Italia.
  • IMPORTANTE: da quando viene fissata la data del referendum si hanno solo dieci giorni per presentare la domanda.

2. Vivi all’estero ma non sei iscritta/iscritto all’AIRE?

  • DA QUEST’ANNO ANCHE TU PUOI VOTARE DALL’ESTERO PER POSTA! La nuova disciplina elettorale ha stabilito che anche i cittadini temporaneamente all’estero per almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche, e chi vive con loro, possono votare dall’estero per posta. Tale disposizione è già in vigore per i referendum. Tutto ciò che devi fare è comunicare la tua intenzione al tuo Comune in Italia appena il referendum viene indetto (hai solo dieci giorni!), e un paio di settimane prima del voto riceverai a casa il plico elettorale, con tutto l’occorrente per votare per posta.
  • ECCO COME FARE: basta una domanda in carta libera, “ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, consapevole delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci”, specificando:
    – Nome e Cognome,
    – Luogo e Data di nascita,
    – Luogo di residenza,
    – Consolato competente,
    – Indirizzo postale estero dove ti dovrà essere spedito il plico elettorale,
    – Fotocopia documento di identità,
    – Dichiarare di trovarsi all’estero per almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche, o di essere un familiare convivente di un elettore in tali condizioni,
    – Data e Firma.
  • La domanda può essere consegnata a mano (anche da persona diversa), o inviata per email, posta, fax al Comune, e vale per una sola votazione. Indirizzi email e postali dei comuni italiani su: http://www.indicepa.gov.it
  • IMPORTANTE: occorre compilare una domanda per ciascun elettore.
  • IMPORTANTE: occorre indicare per quale referendum si chiede di votare all’estero.
  • IMPORTANTE: da quando viene fissata la data del referendum si hanno solo dieci giorni per presentare la domanda.

Lettera Circolo PD Parigi su maggiore sostegno ai servizi consolari

Il Circolo PD Parigi ha scritto questa lettera_servizi_consolari PD Parigi ai parlamentari PD eletti in Europa – il Sen. Claudio Micheloni e gli On. Gianni Farina, Laura Garavini, Alessio Tacconi – per informarli  delle difficoltà che riscontrano molti nostri connazionali con i servizi consolari locali.
Nonostante lo sforzo encomiabile del Console e dei funzionari del nostro Consolato, l’aumento continuo di Italiani che scelgono di venire a vivere a Parigi impone un aumento dei fondi al nostro Consolato e una maggiore flessibilità di gestione di fondi e personale, per garantire ai nostri connazionali servizi migliori e di più facile accesso.
Sappiamo di non essere l’unica circoscrizione consolare in questa situazione e che chiedere l’aumento di fondi (o la loro riallocazione) per i servizi consolari significa fare una battaglia difficile in questi anni di spending review, ma riteniamo doveroso segnalare la  situazione e sollecitare l’intervento dei nostri eletti in Parlamento, nell’interesse della nostra comunità.