La nostra opposizione a Salvini e al Governo

Martedì 28 agosto in opposizione all’iniziativa cervellotica di Matteo Salvini d’incontrare il capo del governo d’Ungheria Viktor Orbán a Milano – come se fosse il capo del governo italiano, mentre é un semplice ministro – un presidio composto di voci diverse si é organizzato in Piazza San Babila. Voci diverse perché partecipano Possibile di Civati, il PD di Milano, l’Anpi e molti altri. Il Circolo PD di Parigi unisce anche da lontano la sua voce perché è questo il momento di agire tutti insieme e siamo presenti anche noi spiritualmente con convinzione a Milano.

Nella sera del 25 agosto 2018 abbiamo appreso che la procura di Agrigento ha aperto un fascicolo per sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio. Gli atti di quest’inchiesta saranno trasmessi al tribunale dei ministri, in merito ai fatti della nave Diciotti. L’intervento e l’azione doverosi della magistratura indicano reati gravissimi a carico del ministro signor Salvini Matteo e di altri responsabili del Ministero dell’Interno. Sappiamo che il fascicolo dovrà seguire una procedura lunga, e si concluderà molto probabilmente con il parere contrario delle Camere a procedere, ma esso rimarrà a memoria di scelte terribili e indegne, commesse con l’avallo di tutto il Governo e del suo flebile Presidente G.Conte (ridotto al ruolo di portavoce).

Salvini afferma con boria che i PM “non possono fermare la voglia di 60 milioni di italiani”, ma é falso che questo squallido demagogo stia interpretando una presunta volontà totale e totalitaristica di tutti gli italiani. Di certo non é interprete manco del cinquanta per cento ! Ci sono milioni d’italiani che non sono con lui, e soprattutto non come lui. Gli italiani che hanno votato per la Lega e per le destre chiedevano una politica controllata, equilibrata, europea dei flussi migratori, senza aver compreso che da almeno un anno e mezzo il governo diretto dal PD la stava facendo con efficacia e senza la xenofobia razzista del Salvini! Ma anche per questi italiani – come evidentemente ancor più per tutti noi iscritti e simpatizzanti del Partito Democratico e degli altri partiti di Centrosinista – é impossibile ammettere che le persone, italiane o straniere, possano essere trattate come bestie. Su questo non siamo minoranza.

Esprimiamo la più ferma condanna per questi comportamenti del Salvini e del Governo e per tutta la linea politica tesa alla distruzione dell’Unione Europea di cui questi comportamenti ed il linguaggio nevrotico che li accompagna non sono che una componente secondaria.

Circolo PD Parigi – Associazione Democratici Parigi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *